Per l’iniziativa CONTAGIAMO IL MONDO DI CULTURA E MESSAGGI SULL’EDUCAZIONE abbiamo Valentina, fondatrice della nostra associazione. Ha scelto una frase tratta dal libro di Antoine de Saint-Exupéry “Il Piccolo principe” .
Sono le parole che la Volpe dice al Piccolo Principe per spiegargli perché quella rosa che ha coltivato e di cui si è preso cura per tanto tempo sia diventata la “Sua” rosa, adesso così diversa da tutte altre. Quando il Piccolo Principe verrà a conoscenza del roseto, infatti, la rosa non perderà importanza: egli capirà che la rosa non è speciale perché unica nel suo genere, bensì è speciale perché le vuole bene, perché c’è un legame che si è creato tra di loro.
Un bambino e la sua rosa, quindi…in realtà, questo riguarda tutti noi e le persone, le situazioni, le cose con cui abbiamo un qualche tipo di legame, di cui ci prendiamo cura.
Ciò che differenzia per ognuno di noi una persona, una situazione, una cosa, dall’altra è infatti la relazione che costruiamo con quest’ultima, dedicandole tempo e attenzioni, cure.
Ogni cosa per noi importante lo è a seguito del rapporto che abbiamo costruito con questa, del tempo che abbiamo investito, sono l’impegno e la volontà che permettono ad un legame, ad una cosa, ad una situazione di mantenersi nel tempo, crescere ed evolversi.
A volte quando si fa qualcosa non si sa come va a finire, si può proprio “perdere del tempo”.
Il tempo impiegato con il cuore potrebbe andare perduto, non centrare l’obiettivo, ma chi è di cuore metterà in conto anche questo.
Quello che conta però, qualunque sia il destino, che sia una persona, un’idea, un progetto, una situazione bisogna esserci, bisogna essere presenza, bisogna essere parte, bisogna essere spalla d’appoggio, mano che regge, guancia d’appoggio. Il tempo, l’attenzione e la cura.
L’impegno profuso, il tempo speso, il cuore che ci si mette.